Intervista ad Alessandro Franco che da palleggiatore passerà a ricoprire il ruolo di banda della serie C maschile

-Come è nata la tua passione per la pallavolo?

“Ciao Danilo! La mia passione per la Pallavolo penso sia dovuta semplicemente al fatto che gioco fin da quando ero piccolo. Vuoi per vicinanza a casa, vuoi per giro di amicizie, è stato uno dei primi ambienti con cui sono venuto a contatto e da lì non mi sono più staccato”.

 

-Lo scorso anno sei arrivato a Bottega come palleggiatore, adesso rimani a Bottega, ma come schiacciatore, ci puoi spiegare questo cambio di ruolo?

“Questa è una domanda che penso si siano fatti in tanti, effettivamente questo continuo cambio di ruolo penso abbia suscitato qualche perplessità. La risposta in realtà è molto più semplice di quel che si possa pensare. Il ritorno da banda è  dovuto principalmente alle circostanze: non avendo avuto la possibilità di continuare nella direzione che mi ero prefissato, ho scelto di fare un passo indietro e di riprendere quello che avevo interrotto pur di continuare ad avere una possibilità di carriera. Avrei preferito palleggiare? In realtà sì, ma a volte bisogna anche sapersi adattare. Questo non vuol dire ovviamente che giocherò con sufficienza, anzi, sono pronto a rimettermi in gioco e a sfruttare tutto ciò che ho acquisito in questo “anno” da palleggiatore per ritornare in campo meglio di prima!”.

 

-Nell’ambiente c’è molto entusiasmo sia in proiezione della nuova squadra del prossimo anno condividi?

“L’entusiasmo che si è creato è pienamente condiviso. Penso che la squadra di quest’anno potrà essere molto competitiva, forse più di quella della stagione appena trascorsa, perciò non ci resta che lavorare sodo cercando di tirare fuori qualcosa di buono da questo campionato”.

 

-Che tipo di banda sei, visto che questo da sempre è stato il tuo ruolo naturale ma noi ti abbiamo visto solo in cabina di regia a Bottega?

“Ahah allora, io sono una persona che generalmente pretende molto, in particolar modo da sé stesso. Ho sempre giocato per vincere e, in particolar modo in campo, se penso una cosa la dico senza troppi problemi. L’anno scorso sono stato un po’ mediato dall’insicurezza del nuovo ruolo, ma penso che quest’anno tornerà la vecchia carica. Per il resto, lo vedrete in campo che tipo di banda sono”.

 

-Conosci già qualcuno dei nuovi innesti?

“I nuovi innesti li conosco. Ray si è allenato con noi lo scorso anno e penso che se, come ha detto lui, si metterà d’impegno, potrà essere un’ottima risorsa per la squadra. Edoardo invece è parecchio che non lo vedo, ma da ragazzini ci siamo affrontati più di una volta e, se è ancora come me lo ricordo, potrà solo aggiungere valore alla squadra”.

 

-Cosa ti aspetti dal prossimo campionato a livello anche di qualità delle altre squadre che lo disputeranno?

“Per quanto riguarda le altre squadre non so ancora chi ci troveremo ad affrontare, ma penso che generalmente il livello sarà simile a quello dell’anno scorso, quindi pienamente nelle nostre possibilità”.

 

-Dopo il periodo del Covid19, personalmente quanto ti manca tornare a sudare ed allenarti in palestra per poi giocare il sabato?

“Il Covid ha dato a tutti un bello stop, un lockdown improvviso che ha destabilizzato non poco. Tornare a sudare e ad allenarmi mi è mancato e mi manca parecchio, però ho paura che il ritorno in palestra sarà più traumatico del previsto ahah…”.

 

-Sei scaramantico come il tuo coach e hai dei riti particolari che svolgi prima delle partite?

“So che in ambito sportivo le persone scaramantiche sono molto frequenti, ma a me non si addice molto come cosa, sono tendenzialmente una persona obiettiva. Magari qualche abitudine ce l’ho, ma non sono riti o cose particolari”.

-Cosa ami e cosa invece odi in generale?

“Generalmente apprezzo la determinazione, la testardaggine (se ben motivata) e il rispetto dei valori delle persone. Non sopporto invece quando le persone parlano senza cognizione di causa (cosa molto frequente in questo periodo di Covid) e mancano di rispetto”.

 

-Per concludere, cosa vuoi dire ai tuoi nuovi-vecchi tifosi che ti leggono attraverso questo blog?

“Ai tifosi dico solo che questo potrà essere un bellissimo campionato, io mi impegnerò e farò di tutto per centrare i play-off, poi chissà…!!!”.

 

Ad Maiora

A cura di Danilo Billi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...